SANTUARIO  "BEATA VERGINE DELLA COMUNA"

Via Comuna Santuario, 22  46035 OSTIGLIA MN
Tel. 0386/802933  E-mail: fraticomuna@gmail.com




PELLEGRINAGGI

Il Santuario della Comuna è uno dei tre Santuari più importanti della Diocesi di Mantova, insieme al Santuario Beata Vergine delle Grazie a Curtatone e al Santuario di San Luigi Gonzaga a Castiglione delle Stiviere.
Luogo di culto molto conosciuto, è frequentato soprattutto dai fedeli locali, dei paesi vicini, oltre che delle province limitrofe di Verona e Rovigo.
Affollato nelle messe domenicali, è meta di pellegrinaggio, anche a piedi o in bicicletta, come fioretto nel mese di maggio.
Luogo mistico, immerso nella tranquillità della campagna mantovana, nella sua semplicità francescana e nell'eleganza delle forme architettoniche, favorisce la preghiera silenziosa e raccolta del pellegrino solitario.
I Fratelli di San Francesco che attualmente risiedono nell'attiguo convento si dedicano alla cura pastorale dei pellegrini, soprattutto attraverso il ministero della Riconciliazione sacramentale e dell'accoglienza negli spazi a disposizione (Santuario, portico, sagrato, parco e Casa del Pellegrino).


Casa del pellegrino



Pellegrinaggio Diocesi di Brescia con il Vescovo Mons. Tremolada
(Foto Maestri Maria Silvia)



Motopellegrinaggio


2012 Alfio Piva, Vice Presidente Costa Rica



2015 Apertura Porta Santa e processione



In preghiera



Accademia corale Teleion 2015






VERGINE MADRE

Vergine madre, figlia del tuo figlio,
umile e alta più che creatura,
  termine fisso d’etterno consiglio,
tu se’ colei che l’umana natura
nobilitasti sì, che ‘l suo fattore
   non disdegnò di farsi sua fattura.
Nel ventre tuo si raccese l’amore,
per lo cui caldo ne l’etterna pace
così è germinato questo fiore.
Qui se’ a noi meridïana face
di caritate, e giuso, intra ‘ mortali,
se’ di speranza fontana vivace.
Donna, se’ tanto grande e tanto vali,
che qual vuol grazia e a te non ricorre,
sua disïanza vuol volar sanz’ali.
La tua benignità non pur soccorre
a chi domanda, ma molte fïate
liberamente al dimandar precorre.
In te misericordia, in te pietate,
in te magnificenza, in te s’aduna
quantunque in creatura è di bontate.

Dante Alighieri